Il Rifugio Arlaud nel Parco del Gran Bosco di Salbertrand

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Oggi facciamo una passeggiata poco impegnativa all’interno del Parco del Gran Bosco di Salbertrand, in Val di Susa, per raggiungere il Rifugio Arlaud in località Montagne Seu. Uno degli itinerari più conosciuti e frequentati del Parco con partenza da Monfol – Sauze d’Oulx.

Il Rifugio si trova a quota 1771m, ed è situato in un piccola borgata di alta montagna con una fantastica vista panoramica sull’arco alpino ed una costante esposizione al sole. Il posto ideale quindi per rilassarsi al sole, fare un pic nic o gustarsi un buon piatto preparato dal rifugio.

Il Parco del Gran Bosco di Salbertrand è un’area naturale istituita nel 1980 per proteggere gli abeti bianchi e rossi e i pini cembri presenti nel suo territorio. È occupata per il 70% da boschi e dal 30% da pascoli e praterie.

Un paradiso per gli amanti delle passeggiate nei boschi, a stretto contatto con la natura selvaggia e incontaminata

rifugio-arlaud-salbertrand

Veniamo ora alla nostra passeggiata verso il Rifugio Arlaud.

Raggiunta Sauze d’Oulx si prosegue in frazione Monfol, fino al parcheggio Ser Blanc (in estate a pagamento). Qui si lascia l’auto nei pressi dell’area attrezzata e si prosegue a piedi, oltrepassando la sbarra e seguendo la strada sterrata carrozzabile su cui possono transitare solamente i mezzi aventi diritto.

rifugio-arlaud-salbertrand

Le indicazioni sono chiare e la strada sale gradualmente. Lungo il percorso si incontra una deviazione (indicante il sentiero n.10). È una scorciatoia che attraversa il bosco con una pendenza più marcata rispetto alla strada e si ricongiunge ad essa verso l’ultimo tratto. Noi abbiamo invece proseguito lungo la strada che in circa 1.15 ci ha portati in località Montagne Seu e al Rifugio Arlaud.

rifugio-arlaud-salbertrand
rifugio-arlaud-salbertrand

Appena arrivati alla frazione si incontrano i primi gruppi di case dell’antico alpeggio e la piccola chiesetta. Qui le architetture sono molto caratteristiche e conservano ancora l’impianto di un tempo.

Le case sono state costruite impiegando materiali locali: i muri in pietra, le travi in larice e i tetti in lose. Le baite hanno annesse stalle e fienili, che venivano utilizzate in passato, nel periodo estivo, dagli abitanti di Salbertrand.

La località di Montagne Seu un tempo era collegata al fondovalle esclusivamente da una mulattiera, la “viä dal lèia” o via delle slitte, oggi percorso escursionistico GTA e Via Alpina. Solamente a partire dagli anni ‘20 è stata costruita la strada carreggiabile che abbiamo potuto percorrere oggi.

rifugio-arlaud-salbertrand

Esplorando quindi il borgo e superata la chiesa del paese di arriva finalmente al Rifugio Arlaud, nato come casotto dei guardiaparco, oggi è stato ristrutturato dal Parco e ampliato. Il Rifugio è dedicato a Daniele Arlaud, 1° presidente del Parco, appassionato di montagna, scomparso prematuramente all’età di 45 anni.

Il Rifugio lo troviamo di fronte alla montagna Meije con i suoi quasi 4000 m, è affacciato verso il Vallonetto e sotto i pendii dell’Assietta.

rifugio-arlaud-salbertrand
rifugio-arlaud-salbertrand

Questo percorso è possibile anche in inverno con le ciaspole. La partenza avviene però dal centro di Monfol, con un dislivello di circa 380 m. e una lunghezza complessiva di circa 6 km.

Il Rifugio Arlaud è raggiungibile anche da località Pinea, con circa 2 ore di cammino e un dislivello di 700m lungo un sentiero piuttosto ripido.

Ti è piaciuta questa escursione verso il Rifugio Arlaud nel Bosco di Salbertrand?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Se ti stai preparando per la tua prima escursione in montagna ti lascio qualche consiglio per partire preparato.

Spero che anche tu possa trovare nella montagna una grande Maestra di vita!

A presto.

 

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

7 risposte

  1. Devo ammettere che sono molto pigra e non mi sono mai appassionata alle passeggiate in montagna. Leggendo però i tuoi articoli mi iene davvero voglia di incamminarmi e scoprire piccole baite in pietra, chiesette e alpeggi che non immagineresti. In particolare questo percorso così tranquillo e poco impegnativo sarebbe proprio il mio ideale

  2. Mi piacciono molto queste passeggiate che permettono di conoscere dei borghi di montagna. Permettono di conoscere una dimensione completamente diversa a quella a cui siamo abituati. Mi ha fatto tornare in mente una zona dalle mie parti ma in provincia di Cuneo dove le case di pietra e legno sono state recuperate nel corso degli anni e riportate alla bellezza di un tempo.

  3. Sul tuo blog scopro sempre cose nuove, tanti posti che non ho mai sentito neanche nominare. Un vero peccato che queste attività non facciano più per me, dubito che riuscirei a fare del trekking, neanche il più soft!

    1. Ti ringrazio!Questa è una passeggiata su strada sterrata davvero facile. Se capiti da quelle parti te la consiglio! a presto!

  4. Mi sembra davvero una bellissima escursione, tranquilla, panoramica, assolata e devo dire che sono affascinata dall’architettura rurale di montagna di questa zona del Piemonte, che non conosco per nulla, ma che mi piace molto. E poi sembra tutto davvero ben tenuto e ancora vivo in qualche modo, aspetto che in alta montagna non è sempre facile da trovare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’