Giro delle frazioni antiche di Alagna e Museo Walser

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Percorso facile, adatto a tutti, che attraversa le frazioni antiche di Alagna, le prime colonizzate dal popolo Walser. Una passeggiata che permette di fare un’immersione totale nel tempo, di conoscere le antiche origini di questo popolo e di ammirare splendide architetture in pietra e legno.

Il sentiero si sviluppa sulla sinistra orografica del fiume Sesia e tocca 7 frazioni tra cui Alla Chiesa, Ponte, Pedemonte, Ronco, San Nicolao, Uterio e Merletti, tutte disposte su pendii panoramici ed esposti al sole.

frazioni-antiche-alagna

La partenza per le frazioni antiche di Alagna avviene da Piazza Grober dove si prosegue verso Piazza degli Alberghi fino ad incontrare il ponte Zam T’achi. Lo attraversiamo per troviamo alla sinistra del fiume Sesia e iniziamo la nostra passeggiata in un suggestivo sentiero immerso in un bosco.

La prima delle frazioni antiche di Alagna che incontriamo è quella di Ponte. Qui le case non sono in legno ma bensì in pietra; un incendio scoppiato nel 1819 distrusse tutta la frazione e le case furono ricostruite tutte in pietra e in muratura.

frazioni-antiche-alagna

Seguendo il sentiero in pochi minuti si arriva a Pedemonte.  Attraversando il paese in mezzo alle case si sbuca nella piazza principale dove si trova una fontana a due vasche datata 1540 e 1547. Una fontana particolare, da cui esce acqua di fonte purissima che vede qui la luce per la prima volta. Su di essa il simbolo di Algana, un’aquila Walser in bronzo.

frazioni-antiche-alagna

In questa piazza si trova anche il Museo Walser. Ospitato in una casa del 1628 e riportata fedelmente allo stato originale.

È un posto da non perdere se si viene qui e ne consiglio sicuramente una visita. Si possono  ammirare una grandissima varietà di oggetti di artigianato del popolo Walser, una testimonianza preziosa che va conservata con cura e tramandata. Trovi oggetti provenienti dalle cucine, dalle camere da letto, dalle stalle.

Il tutto è stato riproposto in una vera casa Walser, un edificio particolare che un tempo vedeva concentrate nello stesso corpo tutte le funzioni, da quelle domestiche a quelle agricolo-pastorali.

frazioni-antiche-alagna
frazioni-antiche-alagna

Al piano terreno vi era la stalla, con il pavimento in pietra e il vano soggiorno in legno, adiacente e comunicante. Qui si consumavano i pasti, si ricevevano i famigliari e gli amici. Sullo stesso piano si trovava la cucina, per la cottura dei cibi, il locale per la lavorazione del latte e il vano per la tessitura della canapa e della lana. Qui le donne, soprattutto nel periodo invernale, cucivano e confezionavano i vestiti per tutta la famiglia.

Al piano superiore, sopra la stalla, vi era la camera da letto, con l’alcova il cui materasso era composto da foglie di faggio, l’armadio, il cassone con la dote della sposa e la culla. Sempre al piano superiore vi era il deposito per gli strumenti del falegname e la camera per il deposito delle foglie.

In autunno infatti, le foglie appena cadute e ben asciutte venivano portate in questa camera. Una parte veniva utilizzata subito per sostituire, dai materassi, le foglie vecchie mentre l’altra veniva conservata per il cambio della primavera.

Il sottotetto era occupato dal fienile dove venivano posti gli attrezzi agricoli e da una dispensa per i cereali e per gli altri cibi.

Esternamente la casa era costituita da un loggiato a pertiche trasversali che serviva per essiccare il fieno, segale e canapa che venivano raccolti alla fine dell’estate.

frazioni-antiche-alagna

Proseguendo dopo Pedemonte incontriamo Ronco, una delle prime frazioni nate con Pedemonte. Qui si trovano infatti le case più caratteristiche e dalle strutture molto antiche. Particolarmente significativa è la casa “sulle gambe”, ovvero staccata da terra e retta da supporti in legno.

frazioni-antiche-alagna

Successivamente, attorniato da prati e coltivazioni, troviamo San Nicolao, con edifici in pietra e legno.

frazioni-antiche-alagna

Poco distante vi è invece Uterio, dove si trova un antico forno e due mulini ad energia idraulica del ‘500 messi in funzione da una deviazione del fiume Sesia.

Per ultimo, andiamo alla ricerca di Merletti, seguendo il sentiero che attraversa la strada e sale dalla parte opposta. 

frazioni-antiche-alagna
frazioni-antiche-alagna

Il giro delle frazioni antiche di Alagna termina qui. Se ci resta ancora un po’ di tempo a disposizione possiamo tornare in Piazza Grober ad Alagna per fare quattro passi lungo la via centrale e immergerci tra le sue frazioni del centro, il secondo insediamento Walser dopo quello delle frazioni Pedemonte e Ronco.

valsesia-cosa-vedere

Ti è piaciuta questa passeggiata tra le frazioni antiche di Alagna?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Ora, non ti resta che preparare lo zaino e partire all’avventura.

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

3 risposte

  1. Davvero bellissimo il tuo blog! Siamo amanti delle camminate e non immaginavo ce ne fossero di così belle! In particolare questa mi sembra molto interessante 🙂

    1. Te la consiglio perché è una passeggiata veramente facile e permette di scoprire delle bellissime frazioni immerse nel verde e di fare un tuffo nella cultura Walser!

  2. Ci sono stati i miei zii pochissimo tempo fa! Me ne hanno parlato benissimo e ora il tuo racconto e le fotografie mi confermano che è una gita che vale la pena di fare. Anche perché si tratta di una zona relativamente vicina a casa e che non conosco per niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’