Lago della Rossa, un paradiso ghiacciato

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Il Lago della Rossa si trova nel comune di Usseglio ed è il lago più esteso delle Valli di Lanzo. È un lago molto bello, una tra le mete più spettacolari della valle.

Il Lago della Rossa prende il nome dalla cima della Croce Rossa, alta ben 3566 metri, che si specchia nelle sue acque.

È nato come un piccolo lago naturale, poi la costruzione della diga, avvenuta tra il 1931 e il 1934, l’ha fatto ampliare notevolmente e l’ha reso, al tempo, il lago artificiale più alto d’Europa.

Ghiaccio al Lago della Rossa

Vista la sua altitudine è possibile, anche in estate, ammirare dei piccoli accumuli di ghiaccio sulla superficie dell’acqua. Un vero e proprio paradiso ghiacciato. Caratteristica che lo rende un luogo piuttosto gettonato, nonostante arrivarci sia abbastanza lungo e faticoso.

Oggi vogliamo raggiungere il Lago della Rossa perché speriamo di vedere questi spettacolari iceberg che dovrebbero ancora ricoprire il lago. Ci teniamo molto, e speriamo di farcela perché l’ultima volta ci siamo persi nell’ultimo tratto di sentiero e non siamo riusciti a raggiungerlo.

Una volta arrivati ad Usseglio cerchiamo l’albergo Furnasa e prendiamo la strada che lo costeggia sulla destra. Lasciamo l’auto dove troviamo una sbarra che ci blocca l’accesso per la salita. Iniziamo la camminata, la strada comincia su asfalto e prosegue su sterrato, è molto panoramica e con molti tornanti, non sale molto ma è parecchio lunga e assolata.

Strada verso il Lago della Rossa

Dopo un paio d’ore di cammino, giungiamo ad una galleria, lunga circa 500 metri. Al suo interno fa molto freddo ed è buio pesto. Munitevi quindi di una torcia!

Galleria verso il Lago della Rossa

Usciti dalla galleria, dopo alcuni minuti di cammino, incontriamo il Lago Dietro la Torre, anch’esso artificiale, e gli edifici della centrale idroelettrica.

Lago Dietro la Torre

Il nostro percorso ora prosegue più dolcemente fino ad attraversare un verdissimo pianoro e sulla sinistra, ora ben visibile -ma durante la nostra prima escursione lo era molto meno- l’indicazione per il Lago della Rossa.

Pianoro verso il Lago della Rossa

Da qui il sentiero sale molto ripido, per circa 40 minuti. Abbiamo le gambe a pezzi e il fiato corto, ma questa volta dobbiamo raggiungere il lago ad ogni costo! L’ultimissimo tratto di nuovo in piano ci dice che siamo finalmente arrivati.

Diga del Lago della Rossa

Come speravamo, il lago è parzialmente ghiacciato e pieno di iceberg, non crediamo ai nostri occhi. È fantastico, proprio come l’avevamo visto mille volte in fotografia.

Nelle vicinanze del Lago della Rossa vi è il bivacco San Camillo e un pilone. Qui ogni anno il primo sabato di agosto, si tiene una festa dedicata al Santo che coinvolge centinaia di persone.

Bivacco San Camillo al Lago della Rossa

Ora non ci resta che cercare un posticino per mangiare i nostri panini, scaldarci al sole e goderci questo fantastico paesaggio.

Lago della Rossa

Sei curioso di vedere un altro bivacco? Leggi qui la mia escursione al Bivacco Gias Nuovo nel Vallone di Sea, in Val Grande.

Ti è piaciuta questa escursione al Lago della Rossa?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Se ti stai preparando per la tua prima escursione in montagna ti lascio qualche consiglio per partire preparato.

Spero che anche tu possa trovare nella montagna una grande Maestra di vita!

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’