Anello per la Cappella del Paradiso da Pian delle Nere.

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Con l’escursione di oggi raggiungiamo la piccola Cappella del Paradiso, detta anche Chiesa di Valpiana o “El Paradis” (dagli abitanti del posto) attraverso un giro ad anello con partenza e ritorno al Pian delle Nere a Castelnuovo Nigra, in provincia di Torino.

La Cappella del Paradiso è posta nei pressi di un gruppo di baite, in un punto molto panoramico sulla pianura e sulla Valchiusella.

Ti consiglio di effettuare quest’escursione nel periodo di fioritura dei narcisi (mese di maggio inoltrato) in quanto il Pian delle Nere si tappezza di una moltitudine di questi bianchissimi e profumati fiori.

cappella-paradiso-nere
cappella-paradiso-nere

Raggiungiamo quindi Pian delle Nere e lasciamo l’auto nell’ampio spiazzo adibito a parcheggio, nei pressi di un’area attrezzata con panche e tavoli. Un luogo molto bello e panoramico, ideale per fare un pic-nic.

Per comodità puoi impostare qui il navigatore.

Da Pian delle Nere seguiamo ora la strada sterrata che sale dolcemente e che porta, dopo alcuni tornanti, a raggiungere le baite dell’Alpe Frera, a quota 1457 m.

cappella-paradiso-nere

Da qui continuiamo a proseguire su strada fino ad incontrare, in prossimità di un tornante, un cartello in legno indicante “Valpiana” e “Chiesa del Paradiso”. Qui termina il nostro tratto su strada e inizia il tratto su sentiero, il n.913.

cappella-paradiso-nere

I segni indicatori da qui sono scarsi e poco visibili quindi prendiamo come punto di riferimento una baita in pietra diroccata e iniziamo a salire passandole dietro e salendo oltre. Continuiamo a seguire il sentiero e alcune tacche bianco-rosse che ogni tanto sbucano tra l’erba rassicurandoci sul fatto che siamo sul tracciato giusto.

cappella-paradiso-nere

Seguiamo il sentiero che prosegue ora a mezzacosta e in leggera salita, percorrendo un lungo tratto in diagonale fino ad una cresta.

Successivamente il sentiero si fa più marcato e passa accanto ad un “crutin” con alcuni tratti leggermente più ripidi.

cappella-paradiso-nere
cappella-paradiso-nere

Raggiunta la cresta, su cui sono presenti grossi massi e la cui vista si apre sul Vallone di Savenca, possiamo già intravedere in lontananza le baite Alpi del Paradiso e la bianca chiesetta.

Da qui sbagliarsi e’ impossibile in quanto basta  seguire il sentiero che sale ripido davanti a noi e poi devia a destra, raggiungendo in breve gli alpeggi posti a quota 1785 m e, poco più in alto, la Cappella del Paradiso a quota 1800 m.

cappella-paradiso-nere
cappella-paradiso-nere

Da quassù la vista spazia sulla pianura, sulla Valchiusella e, nelle giornate più limpide, fino alle prealpi lombarde. Per raggiungere la cappella, da Pian delle Nere, abbiamo impiegato all’incirca 1.20h.

Da qui, la discesa può essere fatta seguendo il sentiero percorso all’andata oppure si può effettuare un giro ad anello che prevede la discesa verso Pian delle Nere attraverso la strada sterrata.

Per raggiunge la strada, dietro la Cappella del Paradiso, occorre salire una decina di minuti, seguendo il sentiero (mal segnalato) fino al colletto.

cappella-paradiso-nere
cappella-paradiso-nere

Dal colletto ci si ricongiunge subito alla strada sterrata, un tempo utilizzata dai mezzi da miniera per il trasporto del quarzo, di cui rimangono ancora i resti degli uffici della cava nel piazzale sottostante.

Ora seguendo la strada, lunga circa 4.6 km, con diversi tornanti, ritorniamo all’Alpe Frera e successivamente al Pian delle Nere dove abbiamo lasciato la nostra auto.

cappella-paradiso-nere

Ti è piaciuta questa escursione alla Cappella del Paradiso da Pian delle Nere?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Se ti stai preparando per la tua prima escursione in montagna ti lascio qualche consiglio per partire preparato.

Spero che anche tu possa trovare nella montagna una grande Maestra di vita!

A presto.

Potrebbe anche piacerti

cima-bossola
Valchiusella, Valle Sacra e Alto Canavese

Anello Cima Bossola

Cima Bossola è una fantastica terrazza panoramica la cui vista spazia sulla Valchiusella, sull’Anfiteatro Morenico d’Ivrea, sulla pianura del torinese e su tutta la catena alpina occidentale.

leggi di più »

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’

Vieni con noi?