Pranzo vista lago al Rifugio Guglielmo Jervis

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Oggi vi porto a fare un pranzo vista lago presso il Rifugio Guglielmo Jervis in Valle Orco, a Pian del Nel, partendo da Chiapili di Sotto, a Ceresole Reale. Una facile escursione, adatta a tutti, la classica meta per una gita estiva. Partiamo quindi molto carichi, al nostro arrivo ci aspetterà un buon piatto caldo di polenta, a cui, anche in questa stagione, non si può mai dire di no.

Volendo, in questo rifugio vi è anche la possibilità di dormire perché possiede ben 23 posti letto in camerata. Un ottimo punto di appoggio quindi per escursioni più impegnative come l’accesso al massiccio montuoso delle Levanne.

Lago al Rifugio Guglielmo Jervis

Lasciamo l’auto nel comodo parcheggio di Chiapili di Sotto, nel fondo valle di Ceresole Reale, poco prima del Rifugio Muzio e iniziamo la nostra escursione.

Attraversiamo il torrente Orco e iniziamo così a salire attraverso gli ampi prati per imboccare poi, poco dopo, il vero e proprio sentiero.

Passiamo attraverso un bellissimo e fitto bosco di larici, pini e abeti, in un sentiero a gradoni abbastanza faticoso, trovando numerose e brevi scorciatoie, ancora più ripide, che si ricongiungono però quasi subito al sentiero principale.

Verso il Rifugio Guglielmo Jervis

La traccia è ben visibile lungo tutto il bosco ed è impossibile sbagliarsi. Ad un certo punto incontriamo un bivio che ci indica due percorsi possibili, uno segnato come “pericoloso” e l’altro “sicuro”, noi per non rischiare prendiamo quest’ultimo.

Verso il Rifugio Guglielmo Jervis

Usciti dal bosco eccoci finalmente nei pressi del torrente emissario della diga del Jervis e in breve tempo un ponticello ci conduce al Rifugio Guglielmo Jervis dove ad attenderci c’è un buonissimo pranzo vista lago. Se anche voi volete fermarvi a mangiare qui vi consiglio di prenotare perché è sempre molto frequentato. 

Pranzo al Rifugio Guglielmo Jervis
Polentata al Rifugio Guglielmo Jervis

Documentandomi ho scoperto che Rifugio Guglielmo Jervis era, in origine, una casermetta dell’esercito, realizzata come punto di appoggio per le truppe nella zona di frontiera con la Francia. Dopo la guerra,  fu data in gestione alla sezione CAI di Ivrea che l’ha riadattata a rifugio, inaugurato nel 1946.

Incontri al Rifugio Guglielmo Jervis

Ti è piaciuta questa escursione al Rifugio Guglielmo Jervis?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Se ti stai preparando per la tua prima escursione in montagna ti lascio qualche consiglio per partire preparato.

Spero che anche tu possa trovare nella montagna una grande Maestra di vita!

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’