La grande muraglia piemontese: il Forte di Fenestrelle

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Oggi vi voglio raccontare la mia “Passeggiata Reale” al Forte di Fenestrelle, una visita guidata della durata di circa 7 ore, con un taglio  escursionistico.

Il Forte di Fenestrelle, detto anche Fortezza di Fenestrelle, è un complesso fortificato che si trova a Fenestrelle, in Val Chisone (TO). E’ conosciuto anche come “La grande muraglia piemontese” per via della sua estensione. Ha infatti una superficie complessiva di 1.350.000 m² e si sviluppa per oltre 3 chilometri su un dislivello di circa 635 metri.

La caratteristica che la rende originale è la presenza di due lunghe scalinate. La scala interna, detta “scala coperta”, è composta da circa 4.000 gradini e collega l’intera fortezza dal Forte San Carlo fino al Forte delle Valli. Permetteva quindi di raggiungere tutti i forti senza dover mai uscire allo scoperto, un passaggio sicuro al riparo da sguardi nemici e dalle intemperie. Questa scalinata è detta anche la “spacca gambe”. Originariamente progettata per i muli, presenta gradini molto scomodi per le persone. Ma abbiamo comunque voluto testarla!

Scala coperta del Forte di Fenestrelle

Dal Forte tre Denti parte invece la scala esterna, detta “scala reale”, composta da circa 3000 gradini all’aria aperta, che veniva utilizzata dal Re quando veniva in visita.

Al Forte di Fenestrelle è possibile fare tre tipologie di visite.
La visita che abbiamo scelto di fare noi ha un taglio più escursionistico rispetto alle altre due, che invece approfondiscono di più caratteri storici e culturali.

In particolare la visita denominata “Viaggio affascinante dentro le mura” dura all’incirca 3 ore e fornisce spiegazioni dettagliate riguardo alla storia dell’intero Forte San Carlo, arrivando fino alla Garitta del Diavolo percorrendo un pezzo della “scala coperta”.

La “visita breve”, invece, di circa un’ora, riguarda unicamente il Forte San Carlo. Adatta a chi ha poco tempo a disposizione o a chi non se la sente di percorrere le altre due più impegnative.

Fenestrelle

Veniamo ora alla nostra visita.
La passeggiata inizia presto. Dobbiamo trovarci al Forte di Fenestrelle puntuali alle ore 9 perché la nostra guida ci aspetta. Visitiamo il Forte San Carlo in modo meno approfondito e percorriamo per intero la “scala reale” di 3000 scalini. Visitiamo la Ridotta Santa Barbara e la Ridotta delle Porte, una parte della “scala coperta” che scopriamo esse larga 2.10 metri ed alta 2.35, con muri e volta ad arco spessi ben 2 metri.

Arriviamo fin dove finisce la fortezza, a quota 1800 m, ovvero fino al Forte Valli.

Forte di Fenestrelle

La discesa avviene invece percorrendo la Strada dei Cannoni, attraverso una pineta che costeggia il Forte di Fenestrelle.

La guida ci spiega che questa fortezza fu voluta da Re Vittorio Amedeo II a sbarramento della Valle Chisone contro le invasioni straniere. I lavori iniziarono nel 1728 e terminarono intorno al 1850.La particolarità sta nel fatto che non vi è un unico forte, bensì un intero complesso fortificato composto da otto opere difensive, alcune grandi, altre più piccole, ma ognuna con un ruolo specifico e tutte collegate tra loro dalla famosa scala coperta.

Il Forte, oltre che funzione difensiva, ebbe anche funzione di prigione di Stato. Con la seconda guerra mondiale fu abbandonato e rischiò di diventare un rudere irrecuperabile. Grazie all’Associazione Progetto San Carlo, il Forte riprende vita e diventa quello che oggi possiamo visitare.

Non vi spiegherò nel dettaglio tutta la mia visita, un po’ per non annoiarvi e un po’ per lasciarvi la curiosità di andare di persona a visitarla e stupirvi, come me, di fronte a quest’opera così tanto imponente. Vi consiglio solamente di munirvi di scarpe comode perché ci sarà parecchio da camminare e di portare con voi il pranzo al sacco.

Dopo una giornata dedicata alla visita del Forte di Fenestrelle non dimenticatevi di andare alla scoperta del bellissimo Borgo di Usseaux e dei suoi villaggi alpini. Se sei curioso se parlo qui.

Ti è piaciuta questa passeggiata al Forte di Fenestrelle?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Ora, non ti resta che preparare lo zaino e partire all’avventura.

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

4 risposte

  1. Bellissima vista da questo Forte! Devo dire che percorrere 3000 scalini deve essere davvero una faticaccia, però da l’idea di essere un percorso davvero interessante.

    1. Sì in effetti la salita è parecchio tosta. Più che altro perchè i gradini sono stati progettati per essere saliti dai muli, quindi molto scomodi per il piede di una persona! 🙂

  2. Sono piemontese e, anche se ora abito nelle Marche, dico sempre che mi piacerebbe tornare su e visitare il Forte di Fenestrelle. Ho visto una puntata di Voyager dedicata al Forte e me ne sono innamorata. Certo, dev’essere una salita molto impegnativa…devo prepararmi psicologicamente!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *