Passeggiata alla Rocca di Cavour

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

La Rocca è situata nel Comune di Cavour, in provincia di Torino, ed è una stata classificata come Riserva Naturale Speciale. È una piccola montagna in miniatura – un tempo collegata alla catena alpina – formatasi con l’erosione delle rocce. Con una facile passeggiata possiamo raggiungerne la vetta.

Decidiamo di visitare la Rocca di Cavour un pomeriggio d’autunno, il sole è ancora alto in cielo e quindi siamo certi che dalla cima avremo una limpidissima visuale.

Lasciamo l’auto in Piazza San Lorenzo e iniziamo a salire la Scala Santa. Seguiamo la strada che costeggia un bosco e al primo bivio prendiamo la salita sulla destra. Qui troviamo un museo di sculture a cielo aperto chiamato “Roccart”. Ci perdiamo un attimo a cercare le numerose sculture nascoste che sbucano qua e là nel bosco tra le foglie.

rocca-cavour
rocca-cavour
rocca-cavour

Continuiamo a seguire la strada asfaltata immersa nei boschi di castagni, pioppi e sambuchi e in una quindicina di minuti arriviamo ad un grande parcheggio.

Qui, verso destra, ci aspetta ancora una breve salita che ci porta in vetta dove troviamo il Pilone con la statua della Madonna in marmo bianco di Carrara, i ruderi di un Castello e il Pilone della Vetta. Da qui, come avevamo prospettato, si ammira un panorama a 360 gradi su pianura e montagna circostante.

rocca-cavour
Vista dalla Rocca di Cavour

Tornati all’altezza del parcheggio possiamo decidere di continuare la passeggiata facendo una piccola deviazione per visitare la Torre di Bramafam, un rudere medievale posto anch’esso su un bellissimo belvedere che guarda verso la pianura sottostante.

Nei pressi della Torre, da luglio 2021 è stata installata la Big Bench n. 158.

rocca-cavour

Possiamo ancora fare una breve deviazione verso la grotta “La cà ëd Pieret”, una grotta in parte naturale ed in parte scavata dall’uomo.  La leggenda narra che qui vivesse insieme alle sue capre e alle sue pecore l’eremita Peiret.

rocca-cavour

Torniamo indietro seguendo la strada dell’andata; se ne avete voglia, potete addentrarvi nei boschetti ai lati della strada principale e immergervi ancora un pochino nella natura.

Se siete venuti in visita nel periodo autunnale non dimenticatevi che Cavour è anche uno dei più fiorenti centri di coltivazione della mela. Andate quindi in visita ad una delle tante aziende agricole che vendono mele e fate un po’ di scorta per l’inverno.

Le mele di Cavour

Ti è piaciuta questa passeggiata alla Rocca di Cavour?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Ora, non ti resta che preparare lo zaino e partire all’avventura.

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’