Rifugio Toesca da Cortavetto

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Il Rifugio Toesca si trova in Val di Susa, in località Pian del Roc, nel Vallone del Rio Gerardo, a quota 1710 m.  Incastonato nel cuore del magnifico Parco Orsiera Rocciavré ha una vista fantastica sul Rocciamelone, sulla Grand’Uja e su Punta Lunella.

rifugio-toesca

La partenza per il Rifugio avviene da San Giorio, in Località Cortavetto. Giunti a Borgata Città bisogna svoltare a destra al bivio, seguendo le indicazioni per il rifugio e continuare in auto lungo la strada fino alla località Cortavetto dove e’ possibile lasciare l’auto.

In inverno, occorre lasciare l’auto a Borgata Città e aggiungere quindi all’escursione circa 25 minuti di camminata e 140 m di dislivello.

Da Cortavetto si segue il sentiero in discesa, il n.513 che conduce, in circa 5 minuti, ai laghi Paradiso delle Rane e al vicino punto ristoro.

rifugio-toesca

Superati i laghi ci si inoltra in un fitto bosco di faggi e si seguono le indicazioni per il Rifugio Amprimo e il Rifugio Toesca, imboccando il sentiero n.513 A che, attraverso una breve salita, confluisce nel sentiero 513, chiamato Sentiero dei Franchi.

rifugio-toesca
rifugio-toesca

Da qui, attraverso un tracciato che alterna tratti in salita a tratti pianeggianti, si raggiunge in brevissimo tempo il Rifugio Amprimo, a quota 1375 m. Ad arrivare fin qui ci si impiega in totale circa 35 minuti.

rifugio-toesca

Dal Rifugio Amprimo bisogna proseguire seguendo il sentiero n.510 che parte proprio di fianco al rifugio e si alza nel bosco fino all’Alpe Balmetta, a quota 1515 m. Qui, nel caseificio dell’alpeggio si producono, da giugno a settembre, tome, ricotte e formaggi freschi.

rifugio-toesca

In alternativa, per arrivare al Rifugio Toesca, si può anche seguire il sentiero che si alza ripido di fronte al Rifugio Amprimo (direzione est) e che conduce al pianoro di Pian Cervetto, un’ampia distesa erbosa in cresta con una fantastica vista. Da qui si prosegue e ci si inoltra nuovamente nel fitto bosco fino a ricongiungersi con l’altro sentiero nei pressi dell’Alpe Balmetta.

rifugio-toesca

Lasciando l’alpe alla destra, si continuano a seguire le indicazioni per il Rifugio Toesca, attraversando ampi alpeggi e inoltrandosi nuovamente nel bosco. Il sentiero si fa in questo punto leggermente più ripido e in salita ma la meta è vicinissima.

rifugio-toesca
rifugio-toesca

Infatti, in pochissimo tempo, si giunge finalmente al Rifugio Toesca, posizionato a quota 1710 m, dove ad attenderci troviamo un buonissimo piatto di polenta fumante e un’ottima birra artigianale.

Il Rifugio è aperto quasi tutto l’anno. Nel periodo invernale solamente nei fine settimana. Prima di raggiungerlo ti consiglio però di contattare la struttura.

rifugio-toesca

Dal Rifugio Toesca partono diversi itinerari come quello che porta al Colle del Sabbione o al Colle del Villano. Il Rifugio è raggiungibile anche in inverno con le ciaspole o con i ramponcini.

rifugio-toesca

Ti è piaciuta questa escursione al Rifugio Toesca?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Se ti stai preparando per la tua prima escursione in montagna ti lascio qualche consiglio per partire preparato.

Spero che anche tu possa trovare nella montagna una grande Maestra di vita!

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’