I laghi di Bellagarda e i panorami sulle Levanne

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

L’escursione ai laghi di Bellagarda ci porterà a vedere dei bellissimi laghetti e a scorgere spettacolari panorami sulle Levanne e sulla Valle Orco.

La partenza avviene dalla borgata Ghiarai che troviamo svoltando alla nostra sinistra poco dopo la lunga galleria di accesso a Ceresole Reale. Lasciamo l’auto nell’ampio parcheggio vicino al centro sportivo “Lilla”.

Da qui parte il nostro sentiero che porta a questi bellissimi laghi circondati da distese di rododendri colorati. Passiamo il ponte in legno e seguiamo le indicazioni del sentiero n.517 per Bocchetta Fioria.

Dopo un primo tratto su strada sterrata, inizia la nostra salita in un bellissimo bosco di larici. Il sentiero sale ripido e a gradoni e, dopo avere superato l’Alpe Pian Pesse, finalmente il panorama introno a noi si apre e la vista sul lago di Ceresole ci lascia senza parole!

Siamo altissimi ma la strada da fare per i laghi di Bellagarda è ancora lunga! Superiamo ancora l’Alpe Ciarbonera e al bivio successivo manteniamo la destra.

Dopo una ventina di minuti di cammino, troviamo finalmente il primo laghetto, a quota 2157 m. E’ piccolino e paludoso ma suggestivo, con le maestose Levanne innevate che si specchiano nelle sue acque.

Vista sulle Levanne

Il secondo laghetto lo troviamo poco dopo, in una conca un po’ difficile da raggiungere, ci accontentiamo infatti di osservarlo da poche decine di metri più in alto, dove passa il sentiero.

Secondo lago di Bellagarda

Proseguendo, dopo pochi passi, ci imbattiamo nel terzo laghetto, il più bello a mio avviso. Decidiamo di fare qui la nostra sosta per il pranzo e goderci un po’ di meritato riposo.

Terzo lago di Bellagarda

Siamo stanchi ma ancora un lago ci aspetta. Il sentiero non è segnato benissimo e dopo alcuni tentativi finalmente rusciamo a scorgere il quarto laghetto circondato da alcuni nevai. Anche da quassù la vista è spettacolare, siamo a quota 2246 m.

Quarto lago di Bellagarda

Si potrebbe ancora proseguire fino a raggiungere, in circa mezz’ora di cammino, la Bocchetta Fioria, bel punto panoramico a quasi 2400m di quota. Ma la salita è ripida e siamo un po’ “sulle gambe”, perciò decidiamo di imboccare la via del ritorno.

Superati i laghetti, scegliamo di prendere una via alternativa, anche se leggermente più lunga rispetto a quella dell’andata: al bivio, invece di proseguire verso l’Alpe Ciarbonera, a sinistra, scendiamo verso l’Alpe Lillet, a destra. Il sentiero si ricongiunge a quello dell’andata, chiudendo l’anello, poco prima del ponte di legno di Ghiarai.

Ti è piaciuta questa escursione ai laghi di Bellagarda?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Se ti stai preparando per la tua prima escursione in montagna ti lascio qualche consiglio per partire preparato.

Spero che anche tu possa trovare nella montagna una grande Maestra di vita!

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

2 risposte

  1. È bello vedere tramite le tue camminatei luoghi in cui vivo e non ho mai visto 🔝🔝🔝🔝

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’