Il Colle dell’Agnello tra Italia e Francia

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Il Colle dell’Agnello è un valico alpino dell’alta Val Varaita posizionato a quota 2748 m.

È il secondo valico automobilistico più alto d’Italia e il terzo d’Europa, preceduto solamente dal passo dello Stelvio e dal colle dell’Iseran.

Collega l’Italia alla Francia, ovvero il comune di Chianale a quello di Fontgillard.

La strada che parte dal comune di Chianale è lunga in totale 25 km e presenta ben 16 tornanti.

Il Colle dell'Agnello

Il Colle dell’Agnello è un passo molto antico, infatti, già nel 1600 la popolazione locale sfruttava questo valico per ampliare i propri commerci e scambiando i loro prodotti.

Nel 1970 il valico fu ampliato con una strada militare e, poco dopo, la strada venne asfaltata e divenne carrozzabile, permettendo così anche alle auto di raggiungere il colle.

Oggi, percorrendo questa strada vi troverete immersi in uno scenario fiabesco fatto di panorami ampi e maestosi, ripide praterie, spigolose pareti di roccia, paesaggi verdissimi e incontaminati. È un luogo molto suggestivo grazie all’imponenza del Monviso che domina il colle e dagli ampi dirupi che accompagnano la salita al lato della carreggiata.

Il Colle dell'Agnello

Dalla sommità del Colle dell’Agnello si ha una vista spettacolare su tutta la Val Varaita e sul versante francese!

È praticamente d’obbligo fare una tappa nel piazzale con il monumento in pietra che  segna il confine tra Italia e Francia.

Il Colle dell’Agnello è aperto al transito stradale solitamente da giugno ad ottobre, in base alle nevicate.

Il Colle dell'Agnello

Il Colle dell’Agnello è, inoltre, una tappa molto famosa del Giro d’Italia e del Tour de France. Molto frequentata dai ciclisti che la considerano una delle salite più dure dell’arco alpino; vi sono infatti 10 km di salita con una pendenza media del 9% ma che in alcuni tratti raggiunge anche il 14%. 

Percorrerla in bici quindi, è una vera e propria sfida personale.

Ti è piaciuta questa passeggiata al Colle dell’Agnello?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Se ti stai preparando per la tua prima escursione in montagna ti lascio qualche consiglio per partire preparato.

Spero che anche tu possa trovare nella montagna una grande Maestra di vita!

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

2 risposte

  1. Conosco bene il posto perché come forse ti ho già detto, da bambina andavo in vacanza in montagna a Sampeyre con i miei nonni e spesso facevamo una gita al colle dell’agnello. Il mio compagno invece l’ha fatta in bici e ogni volta al ritorno sembra che abbia fatto il giro d’Italia completo, ma con quelle salite è comprensibile. Mi piacerebbe tornarci la prossima estate per una lunga passeggiata.
    Tra l’altro se non sbaglio è il Colle dell’Agnello è famoso anche per un raduno motociclistico che si svolge in pieno inverno.

    1. Te lo consiglio, è veramente bello e facilissimo da raggiungere. Complimenti al tuo compagno che invece ci va in bici! Dev’essere una salita molto tosta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vieni con noi?

29 MAGGIO 2022
ESCURSIONE GUIDATA
al Santuario di San Besso