Il Rifugio Selleries da Pra Catinat

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Il Rifugio Selleries si trova in Val Chisone, all’interno del Parco Regionale Orsiera – Rocciavré, a quota 2023 m. E’ un rifugio aperto tutto l’anno e facilmente raggiungibile in auto (nel periodo estivo) o a piedi (negli altri periodi dell’anno).

E’ situato nella conca dell’Alpe Selleries ai piedi del Monte Rocciavrè, alto 2778 m, il Monte Cristalliera, alto 2801 m e il Monte Orsiera, alto 2890 m. E’ un rifugio molto antico, la prima parte della costruzione risale addirittura alla metà del 1800. Ha un’ampia e panoramica terrazza con una piccola chiesetta con vista verso la vallata sottostante.

In questo articolo vi parlerò della mia escursione al Rifugio Selleries, partendo da Pra Catinat, dove una sbarra, in inverno, blocca l’accesso al transito veicolare e l’unica possibilità per raggiungere il rifugio è arrivarci a piedi.

selleries-rifugio-catinat

Raggiungiamo Depot, frazione di Fenestrelle e seguiamo le indicazioni per Prà Catinat, Colle delle Finestre e Rifugio Selleries e lasciamo l’auto nei pressi del Centro di Educazione Ambientale E. Agnelli. Seguiamo la Strada Provinciale 172 e al secondo tornante imbocchiamo il sentiero sulla destra che successivamente si ricongiungerà alla strada sterrata che a tratti si presenta particolarmente sconnessa.

Da qui proseguiamo per circa 5 km seguendo la strada o, in alternativa, possiamo imboccare delle scorciatoie su sentiero che ci permettono di ridurre leggermente i tempi. Noi abbiamo fatto la strada e abbiamo impiegato circa 1.40 h per arrivare al Rifugio Selleries.

selleries-rifugio-catinat

Durante il percorso abbiamo modo di ammirare dei bellissimi paesaggi e abbiamo incontrato anche un’area attrezzata per il pic nic. A circa 1 km dall’arrivo al rifugio troviamo il Bivacco Jouglard, sempre aperto e utilizzabile in caso di emergenza per ripararsi dalle intemperie.

selleries-rifugio-catinat
selleries-rifugio-catinat

Dopo circa 15 minuti di ulteriore camminata si raggiunge finalmente il Rifugio Selleries.

selleries-rifugio-catinat
selleries-rifugio-catinat
selleries-rifugio-catinat

Da qui sono possibili diverse escursioni come la salita al Lago Ciardonnet, a quota 2580 m, al Lago la Manica a quota 2365 m, al Colle Superiore di Malanotte a quota 2616 m, a Punta Cristalliera a quota 2801 m, o al Lago Laus, a quota 2270 m.

Noi abbiamo raggiunto quest’ultimo. Puoi trovare qui la mia descrizione del sentiero vero il Lago Laus.

Il Rifugio Selleries, nel periodo estivo (da giugno a ottobre) è raggiungibile anche in auto seguendo lo stesso percorso fatto a piedi, ma la strada a tratti è molto sconnessa e ti consiglio quindi di percorrerla con la massima prudenza. Nei pressi del rifugio è presente un ampio parcheggio e un’area attrezzata con tavoli da pic-nic.

Si può giungere al Rifugio Selleries anche dalla Val di Susa, partendo da Meana di Susa e risalendo in auto fino al Colle delle Finestre. Da qui si dovrà scendere verso il Pian dell’Alpe ma, prima di arrivare al pianoro, si dovrà imboccare la diramazione verso sinistra e raggiungere così Prà Catinat. Anche questo percorso però, nel periodo invernale viene chiuso al transito veicolare.

selleries-rifugio-catinat

Ti è piaciuta questa escursione al Rifugio Selleries?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Se ti stai preparando per la tua prima escursione in montagna ti lascio qualche consiglio per partire preparato.

Spero che anche tu possa trovare nella montagna una grande Maestra di vita!

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’

Vieni con noi?

29 MAGGIO 2022
ESCURSIONE GUIDATA
al Santuario di San Besso