Il Santuario di Santa Elisabetta, punto panoramico sul Canavese

CONDIVIDI IL POST

Il Santuario di Santa Elisabetta, si trova a Colleretto Castelnuovo, in Valle Sacra a quota 1211 m. Sorge su un bellissimo colle, il Colle Crosiglietto, punto panoramico sul Canavese e sulla pianura del Torinese.

Santuario di Santa Elisabetta

La sua particolare facciata bianca lo rende ben visibile già dalla pianura.

Questo Santuario è stato costruito nell’anno 1796, nei pressi di una preesistente cappella votiva. Data la facilità con cui lo si raggiunge e data anche la vicina presenza di due ristoranti, è un luogo molto gettonato nei week end.

Lo si può comodamente raggiungere in auto, oppure, per chi è ben allenato, anche in bici. La strada che porta al Santuario di Santa Elisabetta, infatti, è molto frequentata dai ciclisti nonostante abbia una pendenza significativa e presenti numerosi tornanti.

 
 
Vista da Santa Elisabetta
Santuario di Santa Elisabetta

Dal Santuario partono diversi percorsi escursionistici più o meno lunghi. Seguendo infatti la strada oltre il Santuario è possibile arrivare a Pian Mirauda, dove troviamo una bellissima area pic nic, e continuare verso Pian del Lupo a quota 1408 m, una bellissima conca panoramica alle pendici della Punta Quinseina.

Volendo proseguire possiamo arrivare fino a Frassinetto, paese denominato “il balcone del Canavese”.

Oppure possiamo camminare fino a Pian delle Nere per ammirare, nel mese di maggio, la spettacolare fioritura di narcisi.

Nel 2019 è passata proprio da qui la 13esima tappa del Giro d’Italia con partenza da Pinerolo e arrivo al Lago Serrù.

Ti è piaciuta questa passeggiata al Santuario di Santa Elisabetta?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Ora, non ti resta che preparare lo zaino e partire all’avventura.

A presto.

Partecipa alle nostre escursioni guidate di gruppo

Partecipa alle nostre escursioni guidate di gruppo

Potrebbe anche piacerti

Una risposta

  1. Non conoscevo questo santuario e anche se sono atea non disdegno mai un viaggio alla scoperta di questi luoghi sacri, molto interessanti dal punto di vista storico e architettonico! Grazie dell’articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

nove − sei =