Il mio paradiso: Il Colle del Nivolet

CONDIVIDI IL POST

Share on facebook
Share on twitter
Share on reddit
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Il Colle del Nivolet è un valico alpino situato a quota 2612 m tra la Valle Orco, in Piemonte, e la Valsavarenche, in Valle D’Aosta. Si trova all’interno dell’area protetta del Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Un vero e proprio paradiso in cui trovare laghi alpini incontaminati ed enormi distese di verdissime praterie. Il luogo ideale per chi vuole passare una giornata in totale relax, ma anche per chi vuole praticare escursionismo. La zona, infatti, offre tantissime possibilità di camminate più o meno impegnative come la salita al Colle della Terra, al Colle Rosset o al Colle Leynir.

Piano del Nivolet

Raggiungere il Colle del Nivolet in estate è molto semplice perchè la strada è sgombra dalla neve e quindi aperta al transito delle auto. Superato l’abitato di Ceresole Reale e il suo bellissimo lago, si prosegue infatti per una ventina di km sulla SSP 460, una strada tutta curve che regala dei panorami indimenticabili.

colle-del-nivolet

Da metà ottobre a metà giugno, invece, la strada è chiusa al transito veicolare e dobbiamo quindi lasciare l’auto alla sbarra che si trova dopo Chiapili di Sopra, la borgata più alta di Ceresole, e da qui proseguire a piedi. È chiusa al traffico anche nelle domeniche estive, dove si può arrivare con la propria auto fino alla località Serrù e poi proseguire col la navetta che parte dal parcheggio ai piedi della diga. Per informazioni più dettagliate vi consiglio di consultare il sito ufficiale del Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Durante il nostro percorso di salita da Ceresole Reale troviamo due laghi: il Lago Serrù (2275 m) e il Lago Agnel (2300 m), due laghetti di origine glaciale, poi ampliati dalla costruzione di due dighe. Sono i laghi più famosi e fotografati del Colle.

I laghi del Nivolet

La strada prosegue poi oltre, arrivando al Piano del Nivolet e termiando sul versante valdostano, poco dopo il Rifugio Albergo Savoia. Ci troviamo qui di fronte ad un pianoro lungo 6 km e punteggiato da altri bellissimi laghi, stagni e torbiere.

Al Piano del Nivolet
Piano del Nivolet

Il paesaggio quassù è paradisiaco. Vastissime praterie si aprono davanti ai nostri occhi. Prati verdissimi e pieni di fiori che iniziano a sbocciare in primavera e, qua e là, laghetti naturali che lasciano ogni volta a bocca aperta.

E’ un luogo piuttosto frequentato in estate e nei weekend, ma nelle giornate più tranquille il silenzio assoluto è interrotto solamente dal fischio delle numerose marmotte.

La natura è incontaminata. È anche uno dei luoghi su strada asfaltata più bui d’Italia in quanto privo di illuminazione artificiale.

colle-del-nivolet
Marmotta al Colle del Nivolet

Ogni volta che vengo qui non posso fare a meno di raggiungere il Lago Rosset, a quota 2701 m, con il caratteristico isolotto a forma di cappello, chiamato appunto “cappello di prete”. Da qui è possibile praticare un’escursione e raggiungere il Colle Rosset.

Lago Rosset
colle-del-nivolet

Lo sapevi che Colle del Nivolet è una delle più ambite e difficili salite da compiere in bici? Tutti gli anni gli appassionati di ciclismo sfidano loro stessi e salgono al piano per compiere la salita italiana con più dislivello. Tuttavia il Giro d’Italia è venuto fin quassù solamente una volta: il 24 maggio 2019, con arrivo tappa al lago Serrù.

Diga Serrù

Ti è piaciuta questa passeggiata alla scoperta del Colle del Nivolet?
Mettile un “mi piace” e seguimi anche su Instagram e Facebook per restare sempre aggiornato e non perderti altri racconti!

Se ti stai preparando per la tua prima escursione in montagna ti lascio qualche consiglio per partire preparato.

Spero che anche tu possa trovare nella montagna una grande Maestra di vita!

A presto.

Potrebbe anche piacerti

Ciao, mi chiamo Monica, sono nata nel 1987 e vivo in provincia di Torino, in un paesino del Canavese. Ho la passione per le gite fuori porta – soprattutto nella mia Regione – per le escursioni in montagna, le passeggiate nei borghi alpini e i viaggi all’estero. Mi piace vedere posti nuovi, gente nuova, conoscere e vivere culture diverse dalla mia. Ma mi piace anche stare in solitudine nella natura, respirare aria fresca e ascoltare i suoni della montagna.

Seguimi sui social

2 risposte

  1. Che meraviglia queste immagini, invogliano proprio a partire. Sembra un vero paradiso e capisco perchè sia uno dei tuoi luoghi preferiti. Sembra di stare fuori dallo spazio e dal tempo, un vero sogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter di raccontapassi

SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA’